Come Sostituire un Alimentatore - Mik@Project.it

Sito in Costruzione
Vai ai contenuti
Ali
consectetuer adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget dolor. Aenean massa.
Cum sociis natoque penatibus et magnis dis parturient montes, nascetur ridiculus mus
Come sostituire l’alimentatore o PSU di un Pc desktop
di Mik@Project.it
 
 
 
Se il tuo Computer non si avvia oppure si spegne durante l’avvio  o l’utilizzo, è venuto il momento di sostituire il tuo vecchio alimentatore o psu (Power Supply Unit). Tramite questa guida puoi rimediare a questo problema in modo del tutto indipendente e senza recarti presso un centro specializzato. I fattori che possono portare guasti all'alimentatore sono soprattutto: l'età che dipende anche da quanto si utilizza il computer, fulmini, sbalzi di tensione, lo sporco e la polvere che non permettono alle ventole di dissipare calore e quindi  contribuiscono al surriscaldamento.
 

Come scegliere l’alimentatore, e quali aspetti sono da tenere presenti.

 
L’alimentatore o Psu è uno dei componenti del Pc più importanti che il più delle volte viene scelto con molta leggerezza senza tener conto dei componenti hardware  installati sul nostro Computer.

 
Il primo aspetto da tenere presente è il FORMATO che identifica le misure, e sono ATX PS/2, ATX PS/3  e  quello con un formato più ridotto FLEX ATX.
Alimentatore 500w       Alimentatore 650w             Alimentatore dimensioni piccole

 
Il secondo sono i  Wat che identificano la POTENZA dichiarata dal  produttore sull’etichetta presente su un lato dell’alimentatore con tutti i valori che smista ai vari componenti hardware.





Un terzo aspetto è la MODULARITA’. In realtà gli alimentatori possono essere modulari o non modulari,  in un alimentatore non modulare i cavi presenti in esso sono fissi, l’aspetto negativo  è che se  ci sono cavi non utilizzati non possono essere rimossi occupando cosi spazio inutile nel case. Positivo invece il prezzo molto inferiore rispetto a quello modulare.
 
Un alimentatore modulare invece da la possibilità di collegare cavi singoli in base alle esigenze. Questo consente di non occupare spazio inutile all’interno del case migliorando l’ordine e il flusso d’aria necessario per il raffreddamento del computer.

                            
 
A questo punto per poter acquistare l’alimentatore dobbiamo calcolare il consumo dei vari componenti presenti nel computer controllando le specifiche tecniche.
 
Nella maggior parte dei casi  un processore per PC può consumare da circa 20 W "in fase di riposo" a 150 W "sotto stress".
 
Una scheda madre, invece, richiede da 15 W "in fase di riposo" a 50-60 W; un hard disk tradizionale da 2 a 8 W; un'unità SSD fino a 4-5 W; la RAM fino a 6 W; i lettori ottici fino a 10-12 W.

Le schede video, hanno un ampio raggio in termini di consumi energetici e variano in base alla potenza, ad  esempio quelle dei sistemi desktop per l'ufficio consumano 10-15 W "in fase di riposo" fino a 75-80 W.
 
Le schede per gaming ed elaborazioni 3D avanzate, possono arrivare a consumare 35 W "in fase di riposo" e anche 400 W "sotto stress".
 
Quindi se ci troviamo davanti un Computer assemblato con componenti di “profilo basso” può bastare un alimentatore da 550W, nel caso di “profilo alto” è consigliabile utilizzare un alimentatore di almeno 650W.
 

Come smontare l’alimentatore guasto.

 
Per prima cosa bisogna rimuovere tutti i cavi collegati al Pc, dal cavo di alimentazione al Vga  ai vari cavetti usb, poi bisogna disporlo su un lato, rimuovere le bande laterali che possono essere fissate da sganci rapidi con dei comodi bottoni , o come nella maggior parte dei casi da delle viti a stella presenti nella parte retrostante del computer.
 
Una volta svitate le viti e rimosso la banda laterale bisogna staccare tutti i cavi che dall’alimentatore vanno a finire sulle periferiche hardware come scheda madre, hard disk , unità ottica e così via, facendo molta attenzione a rimuovere il connettore della scheda madre schiacciando la linguetta presente sullo stesso.  

 
A questo punto per rimuovere  l’alimentatore dal case,  occorre svitare le quattro viti esterne al case che bloccano l'alimentatore nella parte posteriore, facendo attenzione  a tirarlo fuori.
Fatto cio’, non rimane che poggiare l'alimentatore nuovo nel suo alloggiamento, avvitarlo e fare i collegamenti nel modo giusto, senza forzare mai troppo, usare delicatezza, non usare strattoni e controllare i versi giusti.
Come citato sopra, nell'alimentatore non modulare, sono inclusi tutti i cavi possibilmente utilizzabili, che non è detto dovremmo utilizzarli tutti, è importante metterli da parte in modo da raccoglierli e piegarli con l’ausilio di fascette per una migliore circolazione d’aria all’interno del case..
 

Di seguito elenco i connettori che troviamo e quelli  che bisogna collegare:

P1 --- è il cavo principale con la presa più grossa che alimenta la scheda madre e può avere 24 pin oppure 20  pin con uno spinotto piccolo da 4 pin che può essere aggiunto. Questo si collega alla presa sulla scheda madre che può essere da 20 o da 24 PIN. Se la scheda madre ha una presa da 20 pin e l'alimentatore ha uno spinotto da 24, si può collegare lo stesso lasciando fuori 4 pin da un lato oppure si può usare l'adattatore ATX.
                    



P4 (connettore EPS) --- questo è il cavo che alimenta il processore e va collegato sulla scheda madre, ad una presa vicino la CPU. I 4 pin extra sono usati sulle schede madri che supportano l'overclock per dare più energia. Se c'è solo il cavo a 8 Pin e sulla scheda madre la spina ne ha 4, si può comunque collegare lasciando 4 pin fuori.
                 



Connettore PCI-E (6 pin - 6 + 2 pin) --- La scheda madre può fornire un massimo di 75 W attraverso lo slot di interfaccia PCI-E. Questo connettore si collega direttamente sulla scheda grafica nel PC. Le schede grafiche più costose richiedono il connettore PCI-E 6 + 2 pin.


Molex connettore periferico a 4 pin --- i connettori Molex sono in circolazione da molto tempo erano usati per collegare hard disk e lettori CD-ROM, ma oggi non sono più usati, anche se gli alimentatori li includono lo stesso.  Siccome sono stati sostituiti dai cavi SATA, si troveranno inclusi gli adattatori da MoleX a Sata. Il Mini Molex, se presente, è quello del floppy disk.
 
 

Connettore SATA --- dalla forma piatta, è quello che va collegato al CD Rom e all'hard disk.Un alimentatore dovrebbe avere 4 o più attacchi SATA, per supportare più unità disco. Grazie alla loro forma a L, il connettore di alimentazione SATA può essere collegato solo nel modo giusto.

 
 
A questo punto possiamo, chiudere tutto e riaccendere il PC, che dovrebbe avviarsi senza problemi.
Come scegliere il case di un Pc desktop
di Mik@Project.it
Full Tower, Middle Tower, Mini Tower, Mini ITX quale scegliere?.
Continua a leggere  e scopri come si distinguono, e quale fa al caso tuo ?
Category
Aenean massa.

Written by lorem   |   April 2020

Nulla consequat massa quis enim. Donec pede justo, fringilla vel, aliquet nec, vulputate eget, arcu.
venenatis vitae, justo. Nullam dictum felis eu pede mollis pretium.

Leggi >>
Category
Aenean massa.

Written by lorem   |   April 2020

Nulla consequat massa quis enim. Donec pede justo, fringilla vel, aliquet nec, vulputate eget, arcu.
venenatis vitae, justo. Nullam dictum felis eu pede mollis pretium.

Leggi >>
Category
Aenean massa.

Written by lorem   |   April 2020

Nulla consequat massa quis enim. Donec pede justo, fringilla vel, aliquet nec, vulputate eget, arcu.
venenatis vitae, justo. Nullam dictum felis eu pede mollis pretium.

Leggi >>
LOREM ipsum
Donec sit amet odio turpis. Etiam molestie venenatis sagittis. Quisque vel neque et est congue euismod.
LOREM ipsum
Donec sit amet odio turpis. Etiam molestie venenatis sagittis. Quisque vel neque et est congue euismod.
LOREM ipsum
Donec sit amet odio turpis. Etiam molestie venenatis sagittis. Quisque vel neque et est congue euismod.
Lorem ipsum
consectetuer adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget dolor. Aenean massa. Cum sociis natoque penatibus et.


info@mikaproject.it
Created by Mik@Project.it
Torna ai contenuti